• Rendimento 4.50 %
  • Durata 60 Mesi
  • Tipo Prodotto MINIBOND
  • Garanzia SECURABLE 80% MCC
  • Investimento 1.200.000,00€
  • Data inizio primo periodo d'offerta: 05/10/2021
  • Data fine primo periodo d'offerta: 19/11/2021
  • Data inizio secondo periodo d'offerta: 23/11/2021
  • Data fine secondo periodo d'offerta: 22/12/2021
  • Data avvio emissione: 22/11/2021
  • Importo emissione: 1.200.000,00€
  • Valore nominale obbligazione: 10.000,00€
  • Investimento minimo: 1 lotti
  • Codice ISIN: IT0005460248
  • Tipo di tasso: FISSO
  • Tipo di rimborso: Amortising con interessi anticipati
  • Quotazione: No

DATI PROPONENTE

UMBRA RIMORCHI SRL
VIA FRANCESCO GENTILE 135 00173 ROMA
00441630548
00441630548
GIANFRANCO
GIARA
info@opstart.it

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Giara Gianfranco - Presidente Consiglio Amministrazione e Rappresentante dell'Impresa

Giara Alessandro - Amministratore Delegato

Giara Massimo - Amministratore Delegato

COLLEGIO SINDACALE

Maccioni Romina - Sindaca

EMISSIONE

Cosvim - Finanza Integrata d'Impresa - Advisor
DWF Legal - Advisor Legale 
Easyfintech - Analisi del merito creditizio e della sostenibilità finanziaria del debito

 

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE

L'Offerta è di Umbra Rimorchi Srl è riservata agli investitori Istituzionali. Compila questo form per restare aggiornato in tempo reale. 

L'AZIENDA

Umbra Rimorchi nasce nel 1963 ed è da ormai molti anni il principale produttore italiano di ganci traino per vetture e veicoli commerciali: è stata infatti la prima azienda del settore ad essersi certificata con un sistema di Qualità ISO 9001 e per la progettazione e lo studio dei prodotti oggi utilizza le più moderne tecnologie su disegno CAD e modellazione solida.

Il principale obiettivo della società è la ricerca continua di nuovi materiali e nuovi processi produttivi senza compromettere la resistenza, l’affidabilità e la sicurezza del prodotto. Proprio il miglioramento continuo dei processi aziendali e l'innovazione sono alla base dei successi registrati dalla società: per affrontare le sfide competitive in un mercato via via più complesso si presta ogni giorno la massima attenzione ad un’innovazione di processo che ha nella Information Technology la leva strumentale delle stategie aziendali.

Dopo oltre trent’anni di attività, la società ha consolidato la propria posizione sul mercato tanto da confermarsi come azienda leader del settore; i suoi prodotti, con una gamma composta da numerosi modelli di ganci traino per ogni tipo di autovettura e veicolo commerciale, sono diffusi in tutta Italia attraverso un’articolata rete di distribuzione.

Inoltre oggi Umbra Rimorchi esporta per oltre il 50% del suo fatturato, registrando un aumento di oltre il 1600% negli ultimi due anni e vantando importanti collaborazioni estere: il marchio è presente infatti in tutta Europa, Africa del Nord, Medio ed Estremo Oriente; nell’arco dell’ultimo anno sono stati allestiti depositi logistici in tre diversi paesi, a cui si affiancheranno altri tre nei prossimi mesi. Infine, in tempi estremamente rapidi, comincerà anche la distribuzione oltreoceano, in Australia e Sud America. Proprio in virtù della forte espansione all’estero, è stato creato il marchio indipendente UR ganci traino, di colore verde, che in breve tempo ha cominciato ad affermarsi anche in Italia ed è ormai identificativo del prodotto principe della società.

IMPIEGO CAPITALI RACCOLTI

Il modello di business della società, che ha dimostrato la propria validità anche in una situazione di stress asimmetrico, come quella causato dalla pandemia Covid- 19, impone di perseguire il rafforzamento del canale di vendita tramite operatori e-commerce.

Il mercato di riferimento rimane il nord Europa, con particolare attenzione a U.K. e Germania. Per poter raggiungere gli obiettivi prefissati dal business plan occorre implementare le scorte nei vari paesi di destinazione, tramite allestimento di magazzini dedicati, a servizio di spedizioni entro le 48 ore dall’ordine. Trattasi di veri e propri investimenti fissi, non soggetti ad ammortamento, ma che comportano un sensibile assorbimento di capitale da imputare sui vari anni, al fine di ottenere i benefici in termini di volumi operativi e relativa redditività. Questa è la strategia aziendale che detta le regole per la programmazione 2021 – 2025 e che è alla base della richiesta per l’emissione del minibond.

SCORE EASYFINTECH

Accedi o Iscriviti a Crowdbond per avere maggiori dettagli! 

 

CARATTERISTICHE DELL'EMISSIONE

EMITTENTE: Umbra Rimorchi S.r.l.
CODICE ISIN: IT0005460248 
CARATTERISTICHE: obbligazioni a tasso fisso
SCOPO: perseguire il rafforzamento del canale di vendita tramite operatori e-commerce nel mercato di riferimento, ovvero il nord Europa, con particolare attenzione a U.K. e Germania. A tal scopo, occorre implementare le scorte nei vari paesi di destinazione, tramite allestimento di magazzini dedicati a servizio di spedizioni entro le 48 ore dall’ordine.
TASSO D'INTERESSE: 4,50% annuo lordo
PERIODICITÀ CEDOLA: annuale

Accedi o Iscriviti a Crowdbond per avere maggiori dettagli! 

PIANO DI AMMORTAMENTO

Il minibond di Umbra Rimorchi Srl ha una struttura particolare: il totale degli interessi di tutto il periodo, pari al 4,5% annuo per 5 anni, sarà corrisposto in un'unica soluzione il giorno successivo alla data di emissione, cioè il 23.11.2021. Il rimborso del capitale, invece, avverrà in 5 rate annuali.

Nella tabella seguente è sintetizzato il piano di ammortamento del prestito:

PIANO DI AMMORTAMENTO UMBRA RIMORCHI

*tutti i valori sono da intendersi in euro

PRINCIPALI IMPEGNI DELL'EMITTENTE

  • Non cessare, né modificare l’oggetto sociale dell’Emittente e comunicare prontamente ai Portatori dei Titoli di Debito eventuali cambiamenti
  • Non ridurre il capitale sociale, salvo ipotesi obbligatorie previste dalla legge e, in questo secondo caso, ripristinare il capitale sociale entro 45 giorni lavorativi
  • Non distribuire riserve disponibili, quali risultanti dall’ultimo Bilancio approvato, e non distribuire gli utili di esercizio realizzati nell’esercizio di riferimento
  • Non costituire alcuna ipoteca, pegno, onere o vincolo di natura reale o privilegio sui beni dell’Emittente a favore di altri creditori dell'Emittente, senza offrire analoga garanzia a favore dei portatori dei Titoli di Debito
  • Salvo nel caso di preventivo assenso da parte dei Portatori dei Titoli di Debito, che non sarà irragionevolmente negato, non approvare né compiere operazioni superiori a € 500.000,00 di acquisizione di partecipazioni nel capitale sociale di altre società o altri enti, né operazioni di acquisizione di aziende o rami d’azienda, né operazioni di vendita, concessione in locazione, trasferimenti o disposizione di Beni dell’Emittente
  • Comunicare prontamente ai Portatori dei Titoli di Debito qualsiasi evento che possa causare un Evento Pregiudizievole Significativo o il verificarsi di un effettivo procedimento giudiziale di qualsivoglia natura
  • Svolgere la propria attività conformemente alle pratiche riconosciute, in tutti gli aspetti rilevanti della propria attività, e a rispettare tutte le leggi e regolamenti pertinenti l’attività da esso svolta in tutte le sedi e paesi in cui opera
  • Rispettare i seguenti Parametri Finanziari, da calcolarsi in riferimento alla Data di Calcolo:
  1. Indebitamento Finanziario Netto/ Patrimonio Netto < 2

  2. Indebitamento Bancario/Fatturato < 85%

  • Rendere disponibile annualmente, entro 10 giorni dalla relativa approvazione da parte dell'Assemblea dei Soci il Bilancio, completo della relazione del Collegio Sindacale dell’Emittente e della relazione del Revisore Legale.
  • Comunicare prontamente ai Portatori dei Titoli di Debito l’insorgere di procedimenti giudiziali di qualsivoglia natura nei confronti dell’Emittente, a condizione che l’importo oggetto di contestazione sia superiore a Euro 350.000,00 (trecentocinquantamila/00) e/o di procedimenti iniziati dall’Agenzia delle Entrate nei confronti dell’Emittente, a condizione che l’importo oggetto di contestazione sia superiore a Euro 350.000,00 (trecentocinquantamila/00)

PRINCIPALI EVENTI DI RIMBORSO ANTICIPATO

  • Cambio di controllo
  • Mancato rispetto da parte dell'Emittente di uno qualsiasi degli obblighi previsti, se questo si protrae per almeno 15 giorni lavorativi a seguito della comunicazione ai Portatori dei Titoli
  • Inadempimento di qualsiasi ulteriore obbligo dell’Emittente derivante dalle Obbligazioni
  • Procedure concorsuali e crisi dell'Emittente
  • Procedimenti di Esecuzione
  • Liquidazione dell'Emittente
  • Protesti di assegni o cambiali, iscrizioni di ipoteche giudiziali o trascrizioni pregiudizievoli, procedimenti esecutivi
  • Invalidità o illegittimità
  • Cross Default dell'Emittente
  • Violazione di norme di legge o regolamento
  • Mancata certificazione dei Bilanci
  • Verificarsi di un Evento Pregiudizievole (tra cui il ritiro della licenza ex art. 115 TULPS)
  • In caso di mancato pagamento degli Interessi alle Date di Pagamento, o mancato rimborso in linea capitale del Valore Nominale (residuo) alle Date di Pagamento, o mancato rimborso in linea capitale del Valore Nominale (residuo) alla Data di Rimborso Anticipato Volontario o alla Data di Rimborso Anticipato Obbligatorio, a partire dalla mezzanotte del giorno coincidente con la Data di Default, si realizzerà convenzionalmente il c.d. “Default del Prestito” per la quota-parte del Titolo di Debito in linea capitale e Interessi inadempiuta. Il perdurare per oltre 60 (sessanta) giorni dello stato di “Default del Prestito”, costituisce in tutti i casi un “Evento Rilevante” ai sensi del presente Regolamento di Emissione e, ove il Titolo di Debito sia assistito in toto o in parte da garanzia, l’evento costituisce titolo per i legittimi portatori per l’escussione della garanzia medesima, in linea capitale.

GARANZIA MCC

Gli aventi diritto possono richiedere la garanzia fino all'80% al Fondo di Garanzia di MCC. Possono accedere alla garanzia del Fondo, previo accreditamento:
a) le Banche;
b) gli Intermediari finanziari;
c) i Gestori (i gestori di cui all'articolo 1, comma 1, lettera q-bis), del decreto legislativo 24 febbraio 1998 n. 58 (SGR, Sicav e Sicaf che gestiscono direttamente i propri patrimoni, società di gestione UE, GEFIA UE, GEFIA non UE, gestore di EuVECA e gestore di EuSEF 31), che, anche in nome e per conto dei fondi comuni di investimento da essi gestiti, sottoscrivono mini bond;

La richiesta di garanzia sul portafoglio di mini bond deve essere inoltrata al Gestore del Fondo utilizzando l’apposito modulo di richiesta comunicato dal Gestore del Fondo, mediante fax, posta (raccomandata A/R) o posta elettronica certificata. In sede di domanda, i soggetti richiedenti devono indicare la data di chiusura del portafoglio di mini bond e fornire tutte le informazioni tecniche connesse alla operazione di costruzione e gestione del portafoglio di mini bond, comprese quelle utili all’applicazione dell’innalzamento della copertura del Fondo ai sensi dell’art. 8, comma 3, del Decreto mini bond, indicate nel modulo di richiesta comunicato dal Gestore del Fondo.

Il Gestore del Fondo comunica ai soggetti richiedenti, mediante fax, posta (raccomandata A/R) o posta elettronica certificata, l’ammissione ovvero la non ammissione all’intervento del Fondo, con le motivazioni che hanno indotto a ritenere inammissibile la richiesta, entro 10 giorni lavorativi dalla data della delibera del Comitato di gestione.

Per maggiori informazioni consultare il sito del Fondo di Garanzia MCC.